Quali caratteristiche deve avere un buon vino?

Negli ultimi anni è aumentato tantissimo il numero delle persone che preferiscono acquistare vino online anzichè recarsi nelle cantine di produzione o nei normali supermercati di zona. Questo perchè le enoteche online permettono di avere una notevole scelta tra vini italiani ed esteri con tantissime etichette disponibili. Vi siete mai chiesti quali sono le caratteristiche che deve avere un vino buono? Per aiutarci a capire ci sono alcune accortezze da considerare, sia prima dell’acquisto (anche se effettuato online) sia successivamente dopo averlo stappato. Vediamo quali sono.

Innanzitutto la prima cosa da fare è controllare l’etichetta e le caratteristiche che descrivono la bottiglia che si vuole acquistare, verificando l’annata da cui è possibile sapere subito la qualità e alcune importanti caratteristiche, specialmente se si tratta di vini di una certa struttura e qualità. Altra cosa da fare è quella di preferire il tappo di sughero a quello di plastica perchè garantisce qualità superiore e consente una conservazione più lunga. Solo per i vini cosiddetti novelli può andare bene anche il tappo di plastica. Infine occhio al rapporto qualità-prezzo: non sempre è facile trovare vini che riportano il marchio DOC (di origine controllata), DOCG (Di origine controllata e garantita) o IGT (indicazione geografica tipica) a prezzi stracciati e se lo fossero potrebbero non essere vini che rispettano la qualità cercata.

Una volta ottenuta la nostra bottiglia di vino possiamo verificare le sue caratteristiche dirette, iniziando dalla valutazione della limpidezza, del colore, della viscosità e dell’effervescenza, che possono darci già un’idea della struttura. Successivamente l’esame olfattivo (avvicinando il bicchiere al naso senza agitarlo) ci permetterà di valutare i profumi del vino che, se ottenuti ancor prima di avvicinare il bicchiere saranno sentori di un prodotto di alta qualità. Ovviamente questo controllo ci consentirà anche di verificare i difetti, come l’eventuale “profumo di tappo” o se dovesse sapere addirittura di aceto.

Per completare definitivamente il percorso che ci porta a capire le caratteristiche per un buon vino, manca l’assaggio finale: le sensazioni che si provano quando il vino viene degustato sono tantissime, temperatura, corposità, valore alcoolemico ed tanto altro ancora. Un vino buono non può che lasciarci una persistenza della suo sapore e soprattutto un retrogusto, valori che ci si aspetta di conservare per almeno dieci secondi al fine di capire quanto possa essere stato gradevole il gusto. Insomma ora tocca a voi fare la prova e farci sapere cosa ne pensate.

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *